salvatore quasimodo
 HOME  biografia bibliografia il parco
letterario
ermetismo
post
ermetismo
casa
quasimodo
Quasimdo e il
Post-Ermetismo

Giuseppe Amoroso
Sequenze narrative dell'ultimo Quasimodo

Paolo Mario Sipala
Quasimodo e l'intellettuale italiano nel dopoguerra, tra post-ermetismo e neo-realismo

Clelia Martignoni
"Rifare l'uomo": sulla struttura in progress del falso e vero verde

Rita Verdirame
Quasimodo e il "Lamento per il sud"

Elena Salibra
La geometria dell'assurdo in "La terra impareggiabile"

Eugenio Greco
I simboli del tempo nell'ultimo Quasimodo

Anna De Stefano
Presenze dannunziane nella poesia di Quasimodo post-ermetico

Franco Musarra
Rinnovamento ritmico nel Quasimodo post-ermetico

Pietro Mazzamuto
L'ultimo Quasimodo di dare e avere

Giuseppe Savoca
Conclusioni

La Sicilia On Line

TURISMO
Presentazione
Geografia
Economia
Storia
Arte
Musei
Gastronomia
Feste e Sagre
RISTORANTI
CARTOLINE
EVENTI
MAPPE
SHOPPING
MAGAZINE
CHAT

Le 9 province

Agrigento
Caltanissetta
Catania
Enna
Messina
Palermo
Ragusa
Siracusa
Trapani
TUTTE LE CITTA'

Sicily NETWORK

sicilynetwork.com
siciliano.it
sicilyweb.com
siciliaweb.com
aziende-siciliane.com

sicilyhotels.com
siciliaonline.com
sicilycinema.it
sicilybooks.it
foto-sicilia.it
sicily-photos.com
cefalu.it
taormina-sicily.it
ragusaonline.com
modicaonline.it
quasimodo.it
infomedi.it
festedisicilia.it
pasquainsicilia.it
siciliani.com
siciliane.com
agriturismo-sicilia.it
ristoranti-sicilia.it
olio-sicilia.it

la tua pubblicità su SICILYNETWORK


cerca in:


Anna De Stefano
Presenze dannunziane nella poesia
di Quasimodo post-ermetico

Con la fede nella poesia, "l'anima scritta"(1) di Quasimodo arde ininterrottamente entro il cerchio magico della parola "geometria viva"(2), nella quale spazio e tempo gocciano intense scansioni e linee di fuga, piegano la quotidianita' tra le glosse di un passato e di un futuro: anello numinoso nel quale si inscrive - alla presenza di affettuosi Mani - la vicenda terrena del poeta.
Sollevata da un'estrema solitudine all'inesprimibile, segnale dello sgomento del "pellegrino"(3) che s'incammina verso il santuario della poesia, il Quasimodo postermetico si lascia alle spalle le "ampie frane d'aria" e la voce dei morti percepita "nei gelosi battiti / di vene vegetali"(4) dell'Oboe, e, scarnito di "sillabe" e ricco di "tristezza" (5), intraprende il suo cammino in "curve d'oro"(6), segnali dell' "irregolare" che insegue, "con le mani sporche di sangue"(7), il perdono evangelico. Col viatico della memoria, della tradizione, della verita' che la fonte del ricordo alimenta inviolabili entro il presente, egli avverte - dopo il silenzio che cala "sull'estremo antro pastorale fiorentino"(8) - l'impegno di "rifare l'uomo"(9), impegno affidato alla poesia, irta di denunce e di domande nel suo dibattersi(10) tra errore e verita'.
Entro una fitta rete di presupposti che nelle prose - ma non solo nelle prose - ascrive ad impegno sociale, avviluppato tra poesia e cultura, stile e societa', moralita' e polemica, l'impegno quasimodiano muove alla conquista del suo nord, ago magnetico che e' acquisizione consapevole della vita mediante un "atto di disordine": la nascita del poeta vissuta come violenza, poiche' la "voce dei poeti ha sempre detto parole del proprio sangue"(11).
Con la nota su D'Annunzio, nel '39, il poeta teorizza il suo impegno al canto modulato sulla qualita' della parola, in opposizione alla qualita' dannunziana di natura "lessicale": da qui la sua diversificazione, la cui chiave sta nel "riconoscimento della voce poetica"(12), in antitesi alla sonorita' dannunziana.
La frattura ideologica, della quale ha gia' detto Sanguineti(13) e quella "necessita' di un deciso stacco ideologico formale" presente nella lirica contemporanea, nei confronti di D'Annunzio e di Pascoli, come ricorda Mengaldo(14), sono presenti nella vivace ed impegnata formazione quasimodiana, nella quale filtra la sperimentazione dannunziana con numerosi calchi che attestano una lunga, travagliata esercitazione. Che e' tormentato cercare inscritto in una macerata stagione poetica, testamento di un inesausto errare che registra il conflitto tra il commensurabile e l'assoluto, entro un balenio di sillabe che hanno il loro centro nella sapienza che oscilla tra memoria e salvifico dimenticare. Talismano ed eco dell'interiore che attinge all'invisibile, le cui colme lontananze sono di volta in volta forzate entro i tempi della "gioia" e della "furia" (15), la parola di Quasimodo nasce nel segno del Notturno, col "tempo della lotta e della furia"(16); dalle quali l'arabesco delle sillabe disegna e sigla un tempo altro, con l'ora dell'enigma-scrittura ("il principio e la fine") che risale da "un'acqua lapidata"(17) e morde il tempo dell'infanzia ("Non svegliare il fanciullo che ti dorme accanto coi piedi nudi chiusi in una buca"(18)). La raschiatura dei palinsesti della memoria, i cui incunaboli sono saldamente ancorati al focolare dall'epifora: "Nessuno ci ricordi della madre, nessuno / ci racconti un sogno della casa"(18), tange un proustiano ricordare: dolore murato (lo "sguardo infantile di rancore"(19)) al quale attinge il poeta ("La scienza / del dolore mise verita' e lame / nei giochi"(20)) s'addensa nell'emblema-voce(21) della Sicilia, "terra impareggiabile": "Da tempo ti devo parole d'amore"(22).
La testura del Notturno, che innesca il mito dell'infanzia sul "fiore pensoso della madre" (p. 376), guarda ad una Sicilia greca e saracena (p. 244) entro una preistoria senza confini con il paesaggio medium e i morti ministrantes; presenti in Quasimodo in quell'avvolgere d'eloquenza le radici, l'affetto a lungo nutrito, ("leggo / la mia storia come guardia di notte / le ore delle piogge"(23)), in quel verticale infanzia- morte, raggrumate nel viluppo di un vicendevole segreto: "noi bestiame infantile / contiamo i sogni polverosi con i morti"(24), mediante una forma che e' divenuta parola, scrittura, sangue, oro: crocevia e crogiolo nei quali si appalesa la sofferenza del poeta in tutta la sua drammatica costruzione interiore.
"La nascita di un poeta e' sempre un atto di disordine", poiche' il poeta vede gli uomini "meta' d'oro e meta' di sangue che cola nel loro continuo dialogo con la morte", scrive in "Poesia contemporanea" (PP, p.9): mi pare specchio del disordine e della violenza della favilla "Di Prometeo beccaio"(25) nella quale l'artista avverte il moltiplicarsi dei colpi del cuore, e che, pur tra una "volonta' crudele" e tra "moti misteriosi", accoglie l'ispirazione creatrice, quella "violenza carnale" che s'accompagna al rapitore "del fuoco divino", dalle braccia insanguinate fino ai gomiti. La voce del poeta, corifeo della sofferenza universale canta, nel programma quasimodiano, la vita e la morte con parole "del proprio sangue"(26): l' "operaio di sogni (27) tenta un nuovo "Rinascimento"(28).
Nel Taccuino 7, che comprende "discorsi elettorali" e "varie", scoperti nel '65 (29), D'Annunzio, "operaio della parola", ha il suo pronunciamento ideologico(30) con un "discorso" del 19 luglio 1897, in Abruzzo, il poeta e' "parte viva del popolo" e non "artista solitario". "Artiere", che prepara gli spiriti in omaggio alla patria - e che in La gloria, due anni dopo, avra' la sua esplicitazione(3l) - D'Annunzio affida alla parola una geografia di valori, comprensivi di forza e di mistero; parola che nell'epilogo al Paradisiaco diviene mistica portatrice di vita e si innesta idealmente ad una trancia di Il libro segreto: "TUTTA la bellezza del mondo converge nell'arte della parola. Certi misteri labili, certi aspetti fuggevoli del mondo inespresso esaltano la mia passione, scorano il mio studio"(32).
Il gran demagogo di Maia che "errava nelle parole"(33) ha il suo controcanto nelle "rispondenze profonde" di "Il venturiero senza ventura", che in un'altra Favilla innescano piu' "vaste e profonde risonanze" nel poeta che e' "l'alveo" di "musicata parola"(35), eco dell'altra musica di "La resurrezione del Centauro" e "l'armonia trasmutatrice" (36) che va avanti fino al "tempus tacendi" dell' "operaio artiere artista" di una poesia "pellegrina d'infinito" che assedia il Libro segreto ( p . 727) .
Il respiro poetico quasimodiano ha il suo spazio ideologico nella parola, che canta la vita e la morte; e, al di la' della programmazione "ermetica", ribadisce, nel '46, la sua adesione ad una "lingua" e ad una letteratura "mature in modo irripetibile"(37), che hanno il loro modello in Leopardi, la cui presenza con i relativi coinvolgimenti sintattici, sono formalizzati nella nota dannunziana: oltre il cerchio della propria siepe, gia' presente nell'Oboe ("azzurra siepe / a me d'intorno"(38)) il poeta vigila sulla lingua nel suo farsi. Chiuso nell'ascolto dell' "antica voce" cerca "un segno che superi la vita / l'oscuro sortilegio"(39), entro il quale la "morte / e' in fiore"(40), e i "vivi" sono convitati tragici che un "cerchio bianco di sepolti"(41).
Liriche legate, una dentro l'altra dal motivo conduttore delle "parole maledette e il sangue / e l'oro"(42), apertura al "canto fermo" di "Muraglia" che si innesta su "notti lontane", gioco d'ombre, insanguinate da un presente invivibile, sul quale si insinua, in analogia, "un canto di fanciulli" entro un textus affollato di epifore (43) che slittano sulla corrosione dei giorni. Le voci che franano tra le ombre, "voci arse d'aria", respinte o accolte tra un esplorare che e' guerra e miele (ricordi e ululi di sirene(44) in pressante antitesi) hanno il loro referente nel Notturno, nel quale "tutto diviene presente e vivente" (p. 319) entro gli emblemi della morte. L'allusivo risveglio, ad un "grido fulmineo di vita" e' affidato ai simboli zoomorfi (il gabbiano, il gallo, l'antilope et cetera) talismani che aprono un dialogo-liturgia con i morti ("l'ira / si quieta al verde dei giovani morti"(45)) e con i vivi" ("La vita che t'illuse e' in questo segno della terra / umana alle domande, alle violenze"), mediante una compitazione per quadri che slarga i paesaggi verso profondita' celesti ("e segui l'ombra a rovescio del cielo") e disegna volumi ("saltava l'acqua a taglio della ruota") attraversati da una risalita di voci. I cui echi inesplorati si riaccendono nella memoria entro le analogie, nelle quali sono innescate catene foniche sui lessemi mare-voce - ben noti topoi dannunziani, - preparatorii di sottofondi nei quali s'addensano gli aggettivi: in iperbato "le curve pecore" e "le nuove foglie", saluto della "terra umana" che s'alza entro un "moto spento"(46), collegato da come - frequentatissimo da D'annunzio, e non solo nell'Alcyone(47) -; e che nella lirica successiva, ancora con la voce e con il mare, materializza un "lamento assiduo di gabbiani", che, con le assonanze di "torri", "aprile", "pianura", "memoria", "eri", "vorrei", "ora" che srotolano una messe di magnetiche dentali e labiodentali che l'interlocutore - tu accoglie entro un soffocato "buio murmure di mare"(48); che poi sfrecciano nelle sibilanti della lirica successiva: "Elegia", "messaggera" notturna che rischiara "solitaria" il "sogno", e si oppone alla morte, tra le dentali delle "tombe ignote" e dei "derelitti resti", e punta a nord.
Densa di segni cromatici, la lirica quasimodiana insiste sul viola, utilizzato, ora come sostantivo, ora come aggettivo: "Hai viole tra le mani / conserte"(49); e "Ma in quel luogo io vidi / da ragazzo arbusti di bacche viola"(50); ed anche "che faremo / chini ai tuoi piedi rosa, / sul tuo costato viola?"(5l); oppure "cuori di viole delicate"(52) e "fosso di spine viola"(53), come le "notti di viola" di Merope(54), il colore della "chioma"(55) di Saffo e le "palpebre come / violette" e i "crin di viola" di Maia, su cui cadono "i lembi violacei della sera"(56), riscritti sulle "cupe caligini di "viola"(57) del Canto novo, nel quale Meleagro e' "cinto di violette" e vi e' un "mar di viola"(58), simile all' "ombra violetta e cerulea sotto i vecchi portici" dei Taccuini(58); per non dire delle "montagne violacee" di Terra vergine(60) e delle cascate di nebbia "viola" e "violetta" nell'aria dell'Intermezzo(6l), delle "chiazze di viola" in Dalfino(62), delle "rifioriture", ancora violette che si specchiano nelle "viole delle iridi" di Ecloga fluviale(63), e del contrasto di un "gran gozzo grinzoso e violaceo" del Trionfo della morte che nel tempus destruendi ha "ciocche / / quasi di viola(64), insieme con un "palato violaceo" presente in Alcyone con "I camelli" (p. 637) ed una barba "violetta" col "Ditirambo IV" (p. 762), e ancora e "chiome / violette" di "Versilia" (p. 721). Ma sarebbe lungo qui dare uno spoglio completo dei calchi che ruotano sotto i "cieli cinerei" di Il libro segreto, nel quale "tremola il fogliame dei pioppi moribondi, oro nell'oro" (p. 831) e sovrastano le notti "dal fondo di una memoria millenaria" (Notturno, p 400), entro un "azzurro sparente" (Libro segreto, p 811) tra serate "di perla" che s'addensano sulla riva del "fiume del tempo" del quale il poeta avverte il "perpetuo fluire" (Notturno, p. 415), preziosamente e scopertamente utilizzati. Essi costituiscono la conferma del lungo travaglio della ricerca quasimodiana che si attesta in quel "gioco del sangue dove la morte / e' in fiore(65) tra gerani e mitraglie, chiuso nell' "ascolto dell'antica voce"(66) tra le scansioni del tempo con "le foglie dei pioppi" ed il "sangue nei fiumi della terra"(67) fino alle accumulazioni nominali ("E ancora la notte d'inverno / e la torre del borgo cupa coi suoi tonfi / e le nebbie che affondano il fiume / e le felci e le spine"(68)) che fiacheggiano, in special modo, le tecniche di Il piacere(69); ed a quel gioco di volumi, vuoto e pieno "mutarsi", "rapido intorno al cerchio che ci chiude / di la' dal vuoto della luna"(70), che tiene certamente conto di Il libro segreto(7l).
L'orditura del perimetro ideologico quasimodiano attende che il tempo maturi la tristissima fiaba dell'esistenza, fino al tempo della luce, pur nella pena angosciosa dell'irraggiungibilita' di essa: grin che si chiude nell'iter delle "sillabe a spirale" e "curve d'ombra"(77), e "paesaggi sconfitti" con i "profili ripidi"(73) della sua storia umana e poetica, ritmata da un "tamburo cavo"(74). Da un rapido spoglio, che non pretende di essere esaustivo, l'aggettivo cavo proviene dall'area dannunziana: "cavi occhi"(75) "cavi alabastri"(76), percorre il Paradisiaco ed e veramente presente in Asterope con "trincea cava"(77) e con "sacco cavo"(78) e in Alcyone con "valli cave"(79) e con "erme cave"(80) con la "mano cava"(81) fino al Notturno con "le occhiaie cave" (p. 418) dopo avere errato lungamente nella pagina dannunziana, che registra "alvei cavi"(82) dai quali geminano "gli spazi cavi" di Il trionfo della morte (p. 758) e i "parapetti cavi"(83) di Merope, per non dire dell'uso di cavo come sostantivo: "bevvi nel cavo delle mie mani", od anche "cavo delle palme"(84).
Il motivo del paesaggio quasimodiano impagina un tiglio "verde lunario" e le sue foglie che "s'allargano a cuore"(85) (rinvio ad altra occasione lo spoglio sull'uso del verde con i relativi referenti dannunziani), sotto un sole nemico, tra siepi (ancora siepi "di filo, a raggi di spine"(86)) ed urli di gabbiani il poeta segnala l'angoscia del sentimento del "Dio cristiano: "Scrivo parole e analogie, tento / di tracciare un rapporto possibile tra vita e morte"(87): indivisibile nodo che gia' il D'Annunzio di Il libro segreto aveva tentato di decifrare(88).
"Questo silenzio fermo nelle strade, / questo vento indolente che ora scivola" introduce i due corni del dilemma: "vita-morte": "forse l'ansia di dirti una parola / prima che si richiuda ancora il cielo / sopra un altro giorno, forse l'inerzia / il nostro male piu' vile"(89) e rinvia ancora ad Il libro segreto, e non solo per l'assidua frequentazione dell'epifora, peraltro presente in tutto D'Annunzio, ma per quella consapevole sensazione di incompiutezza ("perche' la mia infelicita' di creatura incompiuta; perche' l'irreligioso travaglio delle mie divinazioni e ricordazioni indivise; perche' il ratto verso la salvezza eterna / . . ./ perche' /. . . /; perche' /. . ./; Non so, ne' sapro'. sapere non mi giova, non mi vale" p. 671), che costituisce la sofferenza di natura rimbaudiana del poeta veggente, che in "19 gennaio 1944", assorto nell'ascolto dell' "antica voce", avverte "l'oscuro sortilegio della terra": "Qualcuno vive. / Forse qualcuno vive. Ma noi qui, / cerchiamo un segno che superi la vita" (Gd G, p . 128) .
Mi sembrano di derivazione dannunziana gli incipit, in e e in ed, (presenti soprattutto in Maia e parecchie liriche del Paradisiaco,) non assenti in Quasimodo; il celebre attacco: "E come potevamo noi cantare"(90) ha la sua calettatura nei versi di "La notte d'inverno": "E ancora la notte d'inverno / e la notte del borgo cupa coi suoi tonfi / e le nebbie che affondano il fiume / e le felci e le spine" (GdG, p. 133), connotazione di una dilatazione della scrittura, confermata dal vocativo del v.4: "O compagno, hai perduto il tuo cuore", con la conseguente perdita dell'essenzialita', tanto a lungo perseguita dal nostro poeta. Tralascio, in questa sede, le felci, senhal del Notturno e del Libro segreto, ma non posso astenermi dal denotativo trascorrere di "preziose magnolie" e "piedini di giglio", con "labbra di marmo", con "tinte sbiadite d'oltremare", con "ala colomba", con "nome divino: lussuria!" che cammina con "pozze torbide di sangue" commiste a "carne con la lebbra" tra un "visino di magnolia intatta" e con "magnolia de l'alba"(9l): risultanze di un'appassionata frequentazione della scrittura poetica dannunziana. Mi pare opportuno qui, peraltro richiamare una tangenza epistolare, benche' a senso unico, tra Quasimodo e D'Annunzio, richiesto di una "sola parola: di fede o di morte"(92) nel '21 dal poeta ventenne, fuggito dalla Sicilia con "alcuni versi in tasca"(93). E' il tempo del Notturno con "quel corpo in croce" (p. 180) del poeta-soldato, la cui scrittura si muove tra "gli spini dei reticolati", i cui morti tra "terrore e furore" (i Bavari della battaglia della Mosa tormentano i suoi sogni) "S'impigliano nei roveti di ferro, si serrano negli attorcigliamenti dei fili rotti, penzolano tra palo e palo come i ladroni male inchiodati alle croci" (p. 242): sono probabili fondali dei cadaveri "a testa in giu'", legati "per i piedi alla trave", che "pendono" fianco a fianco uno all'altro: "- Sempre abbiamo sputato sui cadaveri, / figlio: appesi alle grate di finestre,/ ad albero di nave, inceneriti / per la Croce, sbranati dai mastini / per un po' d'erba al limite dei feudi"(94) e delle sventagliate delle metafore: "l'ora dei moschetti" e le "piaghe di piombo" e "le bocche funebri"(95) e i morti e il sangue della sezione "Quando caddero gli alberi e le mura" (pp. 181-187) .
Le accumulazioni nominali: "E spari' la cavalletta / dei papaveri e il ghiro appeso ai faggi, / lo strumento a corda e la lira a lamina" (96) che s'addensano nella pagina quasimodiana nella quale "Orfeo e' "bucato dai pidocchi" entro un tempo che e' "furia e sangue"(97), e l'uomo "e' spaccato sulla croce"(98) e ascolta le voci della morte"(99) tra "piste rosse"(l00) e "pozzi murati"(101), cupi specchi di eroi crocifissi, come nel Notturno (p. 412), che guizzano tra metafore di dolori "urlati" e di "sepolti", tra "angeli morti"(l02) nel "cuore arato"(l03), e "scavato"(l04) del poeta, in un incrociarsi di stilemi, inclusi il "cuore fasciato" (Libro segreto, p. 696) e "il cuore premuto" e "stellato" (Notturno, p. 151 e p. 309) che il tempus moriendi di Il libro segreto scandisce entro quella scrittura d'ansia e d'infinito che attraversa il nostro Novecento.
1) S. QUASIMODO, "Poesia del dopo guerra", 1957, in Il poeta il politico e altri saggi (=PP), Milano, Schwarz, 1960, p. 44.
2) S. QUASIMODO, "Dare e avere", da Dare e avere (=D): le citazioni delle poesie, qui e altrove, sono tratte - quando non sia espressamente specificato - da Poesie e Discorsi sulla poesia, a cura e con Introduzione di G.FINZI, Prefazione di C.BO, Milano, Mondadori,1973 p. 235.
3) S. QUASIMODO, "A me pellegnno", Giorno dopo giorno (=GdG), p. 138.
4) S. QUASIMODO, "Nell' antica luce delle maree", in Ed e' subito sera, (=ESS) p.44; apparsa prima, con il titolo "Citta' d'isola" in Oboe sommerso (= OS), Genova, "Circoli", p. 27.
5) S. QUASIMODO, "Parola", OS, ibidem, p. 81, poi in ESS, p. 45.
6) S. QUASIMODO, "Di fresca donna riversa in mezzo ai fiori", ESS, p 46; (prima in OS, cit., con il titolo "Destarsi,,, p. 35).
7) S. QUASIMODO, "Poesia contemporanea", /1946/, PP. p. 17.
8) S. QUASIMODO, "Discorso sulla poesia", /1953/, PP. p. 23.
9) S. QUASIMODO, "Poesia contemporanea", PP. p. 17.
10) S. QUASIMODO. "Poesia del dopoguerra" [1957], PP, pp 37-45.
11) S. QUASIMODO, "Poesia contemporanea", PP. pp. 9-11.
12) S. QUASIMODO, "D'Annunzio e noi", PP, p 130.
13) Introduzione a Poesia italiana del Novecento, a cura di E.SANGUINETI, Totino, Einaudi, 1969 pp. XXXI-LXI.
14) P.V.MENGALDO, D'Annunzio e la lingua poetica del Novecento, in La tradizione del Novecento, Milano, Feltrinelli, 1975, p. 191; cfr., inoltre: Per un'antologia della poesia italiana del Novecento, in La tradizione del Novecento, nuova serie, Firenze, Vallecchi, 1987, pp 46-47.
15) S. QUASIMODO, "Forse il cuore". GdG, p. 132.
16) G. D'ANNUNZIO, Notturno, in Prose di ricerca di lotta di comando, I, Tutte le opere (=DA), a cura di E.BIANCHETTI, collezione "I classici contemporanei italiani", diretta da G.FERRATA, Milano, Mondadori, 1966 IV, p. 254.
17) S. QUASIMODO. "Forse il cuore", GdG, p. 132.
18) S. QUASIMODO, "La notte d'inverno", GdG, p. 133.
19) S. QUASIMODO, "Un gesto o un nome dello spirito", in La terra impareggiabile (=TI), p. 206.
20) S. QUASIMODO. "Al padre", TI, p. 203.
21) S. QUASIMODO, "Visibile, invisibile", TI, p. 197.
22) S. QUASIMODO, "La terra impareggiabile", TI, p. 198.
23) S. QUASIMODO, "Al Padre", TI, p. 203.
24) S. QUASIMODO, "Visibile, invisibile". TI, p. 197.
25) G. D'ANNUNZIO, Il venturiero senza ventura e altri studi del vivere inimitabile ,in Prose di ricerca, II, DA, p. 12.
26) S. QUASIMODO, PP, p. 11.
27) S. QUASlMODO. "Epitaffio per Bice Donetti", in La vita non e' sogno, (=VNS), p 151.
28) S. QUASIMODO, "Poesia del dopoguerra", p. 45.
29) G. D'ANNUNZIO, Altri taccuini, a cura di ENRICA BIANCHETTI, in DA XI, 1976 pp 67-84.
30) Cfr. La Premessa di E. BIANCHETTI all'ultimo volume mondadoriano, pp. XVII XXII.
31) G . D'ANNUNZIO, Tragedie, I, DA, pp 356-359 et passim.
32) G. D'ANNUNZIO, Cento e cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele D'Annunzio tentato di morire, Prose di ricerca, II DA, p 707.
33) G. D'ANNUNZIO, Maia, Versi, I, DA, p 728.
34) G. D'ANNUNZIO, in Prose di ricerca, II, DA, p 40.
35) G. D'ANNUNZIO, "Dell'Attenzione", Prose di ricerca, II, DA, p. 40
36) G. D'ANNUNZIO, in compagno dagli occhi senza cigli, in Prose di ricerca, II, p. 555.
37) S. QUASIMODO, "Poesia contemporanea", PP, p. 26.
38) S. QUASIMODO, "Parola", ESS, p. 45; cfr. la nota 5 del presente lavoro.
39) S. QUASIMODO, "19 Gennaio 1944", GdG, p. 129.
40) S. QUASIMODO, "Lettera", p. 128.
41) S. QUASIMODO, "Neve", GdG, p. 130.
42) S. QUASIMODO, "Giorno dopo giorno", GdG, p. 131.
43) S. QUASIMODO, "O miei dolci animali", GdG, p. 136.
44) S. QUASIMODO, "Scritto forse su una tomba", GdG, p. 137; cfr., inoltre, "Del mio odore di uomo", ESS, p. 93: "Negli alberi uccisi / ululano gli inferni. / Dorme l'estate nel vergine miele."
45) S. QUASIMODO, "Dalla rocca di Bergamo alta", GdG, p 139.
46) S. QUASIMODO, "Presso l'Adda", GdG, p. 140.
47 ) " O VITA, O VITA, / dono terribile del dio / come una spada fedele,/ come una ruggente face / come la gorgona, come la centaurea veste; / o Vita, o Vita, / dono d'obli', / come un'acqua chiara, / come una corona, / come un fiale, come il miele", Maia, Versi, I, DA, p. 13.
48) S. QUASIMODO, "S'ode ancora il mare", GdG, p. 141.
49) S. QUASIMODO, "Il traghetto", GdG, p. 144.
50) S. QUASIMODO, "Dialogo", VNS, p. 152.
51) S. QUASIMODO, "Nemica della morte", in Il falso e vero verde (=FvV), p. 166.
52) S. QUASIMODO "Vicino a una torre saracena per il fratello morto", FvV, p. 175.
53) S. QUASIMODO "Tempio di Zeus ad Agrigento", FvV, p. 176.
54) G. D'ANNUNZIO Merope Versi, II, DA, p. 951.
55) G. D'ANNUNZIO, "Pamphila", in Poema paradisiaco, Versi, I DA, p. 688.
56) G. D'ANNUNZIO, Maia, Versi, II, DA, pp. 25 e 213.
57) G. D'ANNUNZIO, "Canto dell'ospite", in Intermezzo, Versi, I, DA, p.202.
58) G. D'ANNUNZIO, "Offerta votiva", in Intermezzo Versi, I, DA, p 167-181.
59) G. D'ANNUNZIO, "Taccuino" CXVI, in Taccuini, a cura di ENRICA BIANCHETTI e R.FORCELLA, DA, p. 1057.
60) G. D'ANNUNZIO, "Cincinnato", in Terra vergine, Prose di romanzi, II, DA, p. 17.
61) G. D'ANNUNZIO, "Il peccato di maggio", in Intermezzo,Versi, I, DA, pp. 256-257.
62) G. D'ANNUNZIO, Terra vergine, Prose di romanzi, II, DA ,p. 10.
63) G. D'ANNUNZIO, Terra vergine, Prose di romanzi, II, DA, p. 56.
64) G. D'ANNUNZIO, Prose di romanzi, II, DA, pp. 926-941.
65) S. QUASIMODO, "Lettera", GdG, p. 128.
66) S. QUASIMODO, "19 gennaio 1944", GdG, p. 135.
67) S. QUASIMODO, "La muraglia", GdG, p. 135.
68) S. QUASIMODO, "La notte d'inverno", GdG, p. 183.
69) "E Andrea sentiva un 'aura esotica involgere la persona di lei, sentiva da lei partire una strana seduzione, un Incanto composto dai fantasmi vaghi delle cose lontane ch'ella aveva guardate, degli spettacoli ch'ella ancora serbava negli occhi dei ricordi che empivano l'anima. Ed era un incanto indefinibile, inesprimibile; era come s'ella portasse nella sua persona una traccia della luce in cui si era immersa. dei profumi ch'ella aveva respirati, degli idiomi ch'ella aveva uditi"; G. D'ANNUNZIO, Il piacere, Prose di romanzi I, DA, p. 167.
70) S. QUASIMODO, "Il tuo piede silenzioso", GdG, p.145.
71 ) "ogni bene e pur l'ombra del bene si compera con la moneta che nel diritto ha la volonta' di vivere e nel rovescio la volonta' di morire non dissimili di figura e di rilievo ma coniate d'un sol conio di bonissinno acciaio e ora penso che l'immagine mi falla; perche' il segreto e nel togliere ogni peso alle polpe e all'ossa, alla palata di terra e alla ghirlanda implicita": Cento e cento, cit., p. 655.
72) S. QUASIMODO, "Una notte di settembre", D, p. 238.
73) S. QUASIMODO, "Lungo l'Isar", D, p. 239.
74) S. QUASIMODO, "Una notte di settembre", D, p. 238.
75) G. D' ANNUNZIO, "Alla nutrice", Versi, I, p. 729.
76) G. D'ANNUNZIO, "I poeti", Versi, I, p. 729.
77) G. D'ANNUNZIO, "Il rinato", Versi, II, DA, p. 1071.
78) G. D'ANNUNZIO, "Cantico per l'Ottava della Vittoria", Versi, II, DA, p. 1129.
79) G. D'ANNUNZIO ,"I tributarii", Versi, II, DA, p. 633.
80) G. D'ANNUNZIO, "Le Madri", Versi, II, DA, p. 648.
81) G. D'ANNUNZIO, "L'ippocampo", Versi, II, DA, p. 704.
82) G. D ANNUNZIO. "Sopra un'aria antica", Versi, I, DA, p. 660.
83) G. D'ANNUNZIO, "La canzone di Umberto Cagni", Versi, II, DA, p. 934.
84) G. D'ANNUNZIO, Maia, Versi, II, DA, pp. 166-290.
85) S. QUASIMODO, "Dalle rive del Balaton", D, p. 240.
86) S. QUASIMODO, "Tollbridge", D, p. 241.
87) S. QUASIMODO, "La chiesa dei negri ad Harlem", D, p. 244.
88) Le Parche "nigrae sorores? erano a me bianche, e di quella specie di bellezza a me piu' affine e piu' cara", Cento e cento, cit., p. 670.
89) S. QUASIMODO "Lettera", GdG, p. 128.
90) S. QUASIMODO, "Alle fronde dei salici", GdG, p. 127.
91) S. QUASIMODO, Bacia la soglia della mia casa, pp. 757-813.
92) Cfr. A.DE STEFANO, Un ignoto disperato messaggio di Quasimodo a D'Annunzio, reperito al Vittoriale degli Italiani e pubblicato in 1 Incontro di studio: Quasimodo e l'ermetismo, a cura del Centro nazionale di Studi su Salvatore Quasimodo a Modica nel 1986, p. 95; ed inoltre, in Atti del Convegno nazionale di studi su Salvatore Quasimodo (organizzato all'Universita' degli Studi di Messina, dalla facolta' di Lettere e Filosofia, il 10-12 aprile 1985: A.DE STEFANO, Per Quasimodo e D'Annunzio: considerazioni su "Il fanciullo canuto", in Salvatore Quasimodo, La poesia del mito e oltre, a cura di G.FINZI, Bari, Laterza, 1986 pp. 445-458 .
93) S. QUASIMODO, "Lettera alla madre", VNS, p. 159.
94) S. QUASIMODO, "Laude", in Il falso e vero verde (=FvV), p. 181.
95) S. QUASIMODO, "Ai quindici di Piazzale Loreto", FvV, p. 183.
96) S. QUASIMODO, "Un gesto o un nome dello spirito", TI, p. 206.
97) S. QUASIMODO, "Dialogo", VNS, p. 152.
98) S. QUASIMODO, "Colore di pioggia e di ferro", VNS, p. 154.
99) S. QUASIMODO, "Al di la' delle onde delle colline", FvV, p. 174.
100) S. QUASIMODO, "Lamento per il Sud", VNS, p. 149.
101) S. QUASIMODO, "Metamorfosi nell'urna del Santo", ESS, p. 58.
102) S. QUASIMODO, "Spazio", ESS, p. 19.
103) S. QUASIMODO, "Preghiera alla pioggia", ESS, p. 52.
104) S. QUASIMODO, "Un'anfora di rame", TI, p. 202.

Note legali, Cookie Policy e Privacy - info@sicilyweb.com